Gli spazi dell'amicizia

Relazioni che fanno crescere nella scuola dell'infanzia

Scrive Bruner, nella introduzione al libro di Dunn L'amicizia tra bambini, che le prime amicizie sono “l'apriti-sesamo verso mondi possibili”. Le competenze interpersonali sono infatti fondamentali per partecipare a progetti comuni, ma per trasformare la classe in una comunità di “amici” occorre sostenere i comportamenti sociali dei bambini, sapendo che essi sono in grado di provare emozioni complesse, quali l’empatia, e di condividere situazioni di amicizia e intimità profonda. L’esperienza di cooperare con un amico svolge un ruolo particolare nello sviluppo della comprensione sociale: accresce la sensibilità morale, aiuta ad affrontare le difficoltà, mette in moto l'esercizio di numerose abilità, anche di tipo metacognitivo, attraverso la risoluzione di conflitti e dispute frequenti. Nel mio intervento, attraverso l'analisi della mia esperienza di insegnante di scuola dell'infanzia, cerco di rispondere ad alcune domande, prima fra tutte in che modo nella scuola dell'infanzia sia possibile costruire lo spazio e il tempo per coltivare l'amicizia.

Insegnante e formatrice.
Vive e lavora a Catania.

Da anni si occupa di formazione docente con particolare attenzione ai temi della didattica, della comunicazione, della relazione e della cooperazione nei contesti educativi.
Collabora con diverse associazioni del territorio e coordina, per la scuola dell'infanzia, il Polo catanese di educazione interculturale.

Teresa Garaffo